Skip to content

ipse dixit

Da un’intervista di Roberto De Mattei, vicepresidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Zenit, 5 settembre 2006):

«L’identità italiana non è solo genericamente cattolica, ma si definisce in funzione del Papato. La vocazione dell’Italia non è solo ospitare il papato, ma servirlo, permettere al Papato di svolgere il suo ruolo universale. L’Italia è se stessa quando serve la Chiesa, L’Italia tradisce la propria identità quando rifiuta la Chiesa».

Dal suo libro “La liturgia della chiesa nell’epoca della secolarizzazione”, pp. 77, Solfanelli, Roberto de Mattei:

“sono uno storico, un cattolico laico che vive però con partecipazione i problemi della chiesa” – propone allora il ritorno alla tradizione come antidoto all’idea, filtrata all’interno della chiesa, che la secolarizzazione è comunque un processo storico irreversibile, e quindi, poiché irreversibile, anche “vero”. E avanza un progetto di risacralizzazione della società: dove “l’esperienza di sacro” di cui la società ha disperatamente bisogno si raggiunge attraverso il sacrificio e lo spirito di penitenza. “Al principio dell’edonismo e dell’autocelebrazione dell’Io che costituisce il nucleo del processo rivoluzionario plurisecolare che aggredisce la nostra società – scrive De Mattei – bisogna contrapporre il principio vissuto del sacrificio”.

5 commenti leave one →
  1. Pier Giorgio Nicoletti permalink
    23 marzo 2011 10:24

    Demenziale.

  2. ALBERTO permalink
    28 marzo 2011 14:18

    Ma chi è questo pazzo???

  3. G.M.J. permalink
    28 marzo 2011 14:19

    Un intervento decisamente farneticante, frutto di una mente vacillante o di uno scaltro opportunista che certamente è del tutto inadatto a ricoprire la carica che ha al CNR. Ma vi prego, non confondete gli scienziati credenti con personaggi assurdi come questo.

  4. Alfonso Cornia permalink
    29 marzo 2011 14:57

    Poveretto

  5. Nicola permalink
    31 marzo 2011 23:55

    Malgrado il passare dei secoli questi fanatici non accennano a scomparire…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: