Skip to content

Intervista a Odifreddi sul caso De Mattei

30 marzo 2011

Da Internet e Politica intervista di Eleonora Bianchini a Piergiorgio Odifreddi:

Roberto de Mattei, ecco perché non si dimette: Piergiorgio Odifreddi sul voto di Maiani e il consiglio del Cnr

Professor Odifreddi, un commento sulle dichiarazioni a Radio Maria.

Ne ho scritto sul blog di Repubblica, conosco Roberto de Mattei. L’ho incontrato in occasione del precedente scandalo sul workshop antievoluzionista, da cui uscì anche un volume in cui sosteneva che i dinosauri sarebbero spariti “alcune migliaia di anni fa”. Mi pare che le esternazioni su Radio Maria sianoperfettamente in linea con il personaggio. Per un fondamentalista cristiano non è così insolito sostenere quelle posizioni. Ricordo ad esempio che il cardinal Ersilio Tonini aveva definito lo tsunami del 2004 «vampata provvidenziale », «sfolgorio di luce », «momento di grande purificazione », «occasione che Dio ci offre per cambiare mentalità », e addirittura di «tragica bellezza di questo momento».

Tonini quanto meno è un cardinale, De Mattei invece è uno storico del Cristianesimo che sta alla vicepresidenza del Cnr.

Il direttore del Cnr Luciano Maiani ha pubblicato sul sito una nota che è stata  interpretata come presa di distanza da quanto espresso. Tuttavia, è più simile a un’apologia della libertà d’espressione di de Mattei. Cosa ne pensa?

Il fatto è che de Mattei e Maiani fanno parte del Cda del Cnr, un organo ristretto in cui si vota a maggioranza. Maiani, scienziato di fama internazionale ed ex direttore del Cern, in cda ha un solo voto di maggioranza che è proprio il voto di de Mattei. Quindi non può permettersi di scaricarlo. C’è da dire inoltre che la nomina di de Mattei è politica. Maiani comunque, nella nota sul sito, fa quasi un appello alla libertà d’opinione.

Quindi non prende le distanze da quanto espresso da de Mattei in veste di vicepresidente del Cnr.

E’ una posizione compromissoria in cui non sono coinvolte le opinioni del Cnr ma quelle individuali. Il problema è che questi organi sono di nomina politica mentre dovrebbero essere di nomina accademica. Allo stesso modo il vicepresidente del Cnr dovrebbe essere eletto dall’accademia o da un comitato di scienziati. Al contrario, de Mattei è in quota Berlusconi: infatti l’atto di nomina del primo mandato risale al 2004 su proposta diretta di Letizia Moratti, ex ministro dell’Istruzione che aveva cancellato l’insegnamento della teoria dell’evoluzione dai programmi scolastici delle scuole.

Crede che dopo le polemiche di questi ultimi giorni de Mattei si dimetterà?

No. E’ completamente impermeabile alle critiche e posso testimoniare che non gliene può fregare di meno. In fondo non sarebbe nemmeno giusto che alcune migliaia di firme fossero determinanti per le sue dimissioni, anche se pure io online ho ricordato la petizione. Non sono favorevole ai voti di piazza affinché lasci l’incarico. E’ il governo che dovrebbe ritirare la fiducia, ma è utopistico che lo faccia.

Quindi de Mattei non lascerà.

Non penso che decida di dimettersi spontaneamente. Dal punto di vista formale dovrebbe essere sfiduciato dal Cda che l’ha votato, ma sta nella maggioranza di questo consiglio e chi lo compone sarebbe contrario. Dubito che ci sia qualche risultato anche se i blog, le radio e gli articoli che si occupano del caso hanno un ruolo importante per risvegliare consapevolezza e autocoscienza.

fonte: http://internetepolitica.blogosfere.it/2011/03/roberto-de-mattei-ecco-perche-non-si-dimette-piergiorgio-odifreddi-sul-voto-di-maiani-e-il-consiglio.html

Annunci
One Comment leave one →
  1. Vincenzo permalink
    7 aprile 2011 18:03

    Sono cattolico e credo che Dio è bontà ed amore. Da bambino a catechismo (quello non riformato) si insegnava “Dio è l’essere perfettissimo, infinitamente buono….ecc.”. Credo che De Mattei appartenga a quel novero di cattolici integralisti (non dissimili da quelli islamici o dagli ebrei ultraortodossi) che credono di essere i depositari della vera religione cristiana e cattolica. E’ assai frequente che chi si occupa di scienza sia molto spesso ateo. Ma ritengo si possa essere al contempo cattolici per fede e laici per ragione. Dio ha creato il mondo con tutti i suoi fenomeni naturali. Ha creato l’uomo ma con la sua natura umana fatta di vita, invecchiamento e morte. Non possiamo addebitare a lui tutti i disastri, le malattie, le morti precoci e per di più ritenerli atti di bontà nei confronti degli innocenti e di castigo nei confronti dei colpevoli. Sono logiche di una chiesa passata, quella dell’inquisizione, che non tollerava che i cattolici potessere fare uso della ragione. Per coerenza con il suo pensiero non dovrebbe ricoprire il posto che occupa in una organizzazione scientifica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: